CORRIMANO IN ACCIAIO INOX

La scelta dei corrimano in acciaio inox è estremamente importante. La praticità è di primaria importanza, ma non deve per forza prevalere sull’estetica. La selezione di stili e varianti Q-railing è talmente ampia che chiunque troverà il corrimano adatto al proprio progetto. Questi sono altamente modulari e possono essere combinati in molti modi diversi, per una scelta ancora maggiore.

I corrimano in acciaio inox a parete non significa solo sicurezza. Un bel corrimano in acciaio inox montato direttamente sulla parete può essere il dettaglio che trasforma lo spazio. Diversi materiali creano diversi effetti, naturalmente. Per questo Q-railing offre una vasta scelta di ringhiere in acciaio inox e diversi tipi di legno. Non importa il tipo di parete su cui andrete a installare la ringhiera, Q-railing ha i supporti adatti.

Cosa c’è da sapere sull’acciaio inox, la differenza tra i diversi tipi di acciaio consiste nei diversi tipi di elementi aggiunti per formare l’acciaio. Q-railing è il primo sistema a fornire una linea di prodotto in acciaio inossidabile 2205. Il contenuto più elevato di azoto e le tracce di altri elementi contenuti in questo acciaio inossidabile duplex forniscono resistenza contro gli effetti aggressivi del cloro, della salsedine o contro l’elevata umidità.

Gli acciai inossidabili sono leghe di ferro caratterizzate, oltre che dalle proprietà meccaniche tipiche degli acciai al carbonio, da una notevole resistenza alla corrosione, specie in aria umida o in acqua dolce.

Tale capacità di resistere alla corrosione è dovuta alla presenza di elementi di lega, principalmente cromo, in grado di passivarsi, cioè di ricoprirsi di uno strato di ossidi sottile e aderente, praticamente invisibile, di spessore pari a pochi strati atomici, che protegge il metallo, o la lega, dall’azione degli agenti chimici esterni (fenomeni di ossido-riduzione).

Gli acciai inossidabili sono caratterizzati da un tenore di carbonio generalmente inferiore al 1,2%. Il contenuto minimo di cromo “libero”, ossia non combinato con il carbonio, si aggira tra l’11-12% per poter avere formazione dello strato di ossido “passivante” continuo, protettivo nei confronti dalla corrosione. Il cromo nella lega, infatti, combinandosi con il carbonio, può formare carburi di cromo, che limitano la disponibilità di tali elemento di lega a formare ossidi e, quindi, di passivarsi.

Vengono anche detti acciai inox, dal francese inoxydable.